• COPIA-1

  • COPIA 2

  • COPIA 4

AIORA si ispira al mito di Arianna e il Minotauro, un dramma del mondo femminile, dove il matriarcato fatto di antichi saperi cede il passo a un nuovo sistema maschile basato sulle armi. Arianna, figlia di Minosse, aiuta Teseo a uccidere il Minotauro nel labirinto di Cnosso, poi lo segue, ma viene da questi sedotta e abbandonata. 
Un padre tradito, un orribile fratricidio, un amore vano ed un figlio in grembo che mai nascerà sono i presupposti che porteranno Arianna ad impiccarsi.
Le AIΩRA greche, le feste dell’altalena, si svolgevano in primavera: indicavano il momento di passaggio dall’età puerile a quella fertile, dell’oscillazione e della lotta che il genere femminile ha sempre dovuto subire, incatenato tra il ruolo sociale e volontà. Leitmotiv il moto pendulo e sospeso che, da sempre, dagli antichi musicologi alla taranta all’ipnosi, ha la funzione di placare gli animi e di condurre a una dimensione metaumana.
Uno spettacolo che attinge alla mitologia, all’antropologia e alla memoria storica per rappresentare, attraverso la fusione di diverse discipline, un conflitto di genere sempre attuale: donne alla ricerca di una ragione, di una identità che la fine del matriarcato ha inesorabilmente messo in crisi.

Tecniche: prosa, teatro danza, teatro movimento, danza aerea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment